Il Premio Nobel per la Fisica 2022 è stato assegnato finalmente…alla fisica quantistica! Ecco il mio commento a caldo!

Ciao! Eccomi, come ogni anno, a commentare con voi a caldo l’attribuzione del Premio Nobel per la Fisica. Quello di quest’anno, 2022, è stato assegnato a Alain Aspect (francese), John F. Clauser (americano) e Anton Zeilinger (austriaco). La motivazione ufficiale è “per gli esperimenti con i fotoni entangled, stabilendo la violazione delle disuguaglianze di Bell e aprendo la strada alla scienza dell’informazione quantistica”, questo non significa altro che è stato dato il Premio Nobel per la Fisica 2022 all’entanglement quantistico, o meglio agli esperimenti che verificano la veridicità dell’entanglement. Chi mi segue abitualmente sa di chi sto parlando, perché, in particolare il terzo, sono fisici che cito spesso. Zeilinger è uno dei miei fisici di riferimento oggi, quando scrivo i miei libri, i suoi esperimenti raccontano appieno oggi la complessità del mondo quantistico e fargli fare un passettino successivo verso la comprensione, oltre ad essere un abile divulgatore. E sa di cosa sto parlando, visto che l’entanglement è il cuore di tutti i miei più recenti lavori (monologhi a teatro e libri).

Faccio un passo indietro, e torno ai creatori della meccanica quantistica (vi ricordate il mio “Monologo Quantistico” e la foto del 1927? O chi ha letto “L’incredibile cena dei fisici quantistici”, clicca qui, lo sa bene), bene, tra di loro, tra i creatori, ci sono Albert Einstein e Erwin Schrödinger.

Il termine ‘entanglement’ è stato coniato per la prima volta da Erwin Schrödinger, in uno scambio di lettere con Einstein. Einstein parlava di una strana azione a distanza (tra le particelle quantistiche), e Schrödinger gli era corso in soccorso ideando il termine ‘entanglement’, e l’esperimento mentale del gatto di Schrödinger. Schrödinger è anche l’ideatore dell’equazione più importante di tutta la meccanica quantistica, quella nata nel 1926, che ha soppiantato definitivamente quella di Newton per sostanza e modernità. In particolare, il mio libro “Ucciderò il gatto di Schrödinger” (Mondadori, clicca qui) parla proprio di tutto questo. Ma i due erano fisici teorici (Schrödinger e Einstein), che non facevano certo esperimenti pratici, chi ci ha pensato a farli è stato Alain Aspect, nel 1982, così come Clauser nel 1972, e oggi Zeilinger. I tre hanno dimostrato che ‘dio gioca a dadi’, come direbbe Einstein, e la teoria ortodossa della fisica quantistica (quella nata a Copenaghen da Niels Bohr). Esiste quindi un comportante non determinato delle particelle quantistiche.

Per entanglement si intende particelle intrecciate (o correlate), particelle che interagiscono tra di loro e poi una volta allontanate continuano a scambiarsi informazioni a vicenda.

Questi esperimenti si basavano sulle disuguaglianze di Bell, e vengono progettati per verificare se il mondo reale (ricordiamoci che il mondo della fisica quantistica è il mondo dell’infinitamente piccolo, non reale, le sue regole non sono quelle del mondo del reale) obbedisce alle relazioni di disuguaglianza previste da Bell (che è un altro fisico, e aveva esposto la sua teoria negli anni ’60), che diceva che nell’equazione di Schrödinger della funzione d’onda ci sono delle variabili nascoste.

Con i loro esperimenti, i tre premiati quest’anno hanno dimostrato dimostrato la violazione di questo principio, e dalle applicazioni pratiche le opportunità che possono derivare dallo studio e dal controllo delle particelle che si trovano in uno stato di entanglement (e quindi di influenza a distanza di una sull’altra), lo hanno dimostrato con i loro esperimenti. E hanno aperto la strada alla scienza moderna. Quella che io chiamo ‘la seconda rivoluzione quantistica’, che oggi sta portando a un nuovo sconvolgimento nella nostra vita di tutti i giorni perché nascono nuove tecnologie, dai supercomputer quantistici al machine learning, al teletrasporto quantistico.

Guardatevi il mio ultimo TED -> clicca qui!

Dai, volendo scherzare, possiamo tranquillamente dire che il Premio Nobel per la Fisica 2022 è stato attribuito al mio libro “Ucciderò il gatto di Schrödinger”…e questo volo non fa che elettrizzarmi, e darmi forza. Continuo così, non mi fermo. Continuo a studiare. E… festeggio con voi, cin cin!

Sul mio canale youtube trovate il video in inglese in cui commento il Nobel in un minuto per un programma in lingua inglese in America -> clicca!

Ps: volevo dirvi anche questo: in totale alle donne sono stati dati solo 4 Premi Nobel in fisica storicamente, da quando sono nati, quindi per un totale di 220 attribuzioni. 4 su 220. Molto, molto pochi, pochissimi, poco più dell’1%, niente. All’Accademia Reale delle scienza di Stoccolma si dimenticano continuamente di loro? Purtroppo questo è il classico esempio di modo di fare malsano che si perpetua nel tempo.

Ciao…stay rock & love quantum physics!

 

Ps: ci vediamo questo weekend a Pisa! Parlerò proprio di queste cose nell’intervento di sabato (solo 10 minuti) e in quello di domenica (per 1h)…all’Internet Festival! Il primo evento si può seguire in remoto sul sito dell’Agenzia Ansa, quello di domenica è solo in presenza, alle 10 del mattino, spazio OpenPi. E alla fine faccio firmacopie e dediche sui miei libri!

(vai nella sezione eventi o clicca qui per sapere i dettagli)

E poi dal 18 al 23 Ottobre a Milano, teatro Menotti, porto in scena “Einstein & me”, biglietti qui, clicca.

 

 

 

 

 

.
Per i miei libri -> segui questo link: clicca!

Per i miei monologhi e spettacoli teatrali in tour -> segui questo link -> clicca!

.

 

Non state dove o con chi non vi fa fiorire.

gabriella

 

 

 

 

Condividi su ...
0Shares

There are no comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart