Due pagine sul Corriere dell’Umbria…sono in scena qui per due date con LA DONNA DELLA BOMBA ATOMICA …e sabato a Brescia!

Sono in scena in Umbria per due date con LA DONNA DELLA BOMBA ATOMICA…e sabato a Brescia!

Dunque, il link per i biglietti per giovedì sera ad Acquasparta è questo -> clicca!

Mentre questo è per venire a Brescia a vederlo sabato -> clicca!

Torno ad indossare i panni di Leona Woods nello spettacolo teatrale LA DONNA DELLA BOMBA ATOMICA.

“Leona, ma non è sproporzionato lavorare in un gruppo con una sola donna e 15 uomini?”

“Ma no, erano soltanto 15 ma erano bravi.”

Ve ne racconto un’altra: mentre lavoravano al Progetto Manhattan, e Leona era incinta, Enrico Fermi si era letto un manuale non caso avesse dovuto farla partorire lui…perché lei è rimasta a Los Alamos fino all’ultimo giorno. E quando è tornata, tre giorni dopo il parto, l’autista di Fermi, Baudino, le ha detto che ha superato il record delle contadine italiane, per la velocità con cui è tornata a lavoro.

Se ancora non hai letto il libro, clicca qui!

E’ una bomba…ops, no spoiler!

Ed ecco l’articolone di due pagine con intervista sul Corriere dell’Umbria…con foto inedite!

 

 

Per il resto…ho altre novità!

Nella fisica quantistica così come nella musica rock, è necessario oltrepassare un muro per capirci qualcosa. Bisogna pensare fuori dagli schemi classici. Entrambi toccano altre parti del cervello, che portano a processi di pensiero fuori norma. ⚡️
Per quel che riguarda la foto…ormai è chiaro…lui canta, io suono. 😎
Ci vediamo alle prossime date live di JUKEBOX DELLA FISICA – RISPOSTE SCIENTIFICHE ALLE DOMANDE DELLE CANZONI 🎶…io e @alessiotagliento stiamo lavorando ad un nuovo progetto, ci allarghiamo sempre di più con questo format ormai rodato. 💥
E nel web e sui miei social presto nuove puntate (d’altra parte è nato su tiktok, mica possiamo abbandonarlo)! 🎵
Tutte le puntate le trovate in home page qui del mio sito www.GreisonAnatomy.com 🧡…c’è una sezione dedicata a lui!
È la fisica, baby!
Intanto…il calendario si sta avviando verso la fase estiva…

 

…maggio in tour con i miei monologhi continua con Acquasparta (TR), Narni (TR), Brescia, Trieste, Bergamo, Cermenate (Co), Milano, Milano, Cernusco sul Naviglio (MI).
Mi aspettano un po’ di belle date. Riprendo a raccontarvi la storia “Ogni cosa è collegata”, e quindi l’unificazione dei pensieri di Jung con quelli di Pauli, mondo dell’inconscio e fisica quantistica (l’intero monologo lo porto in scena a Trieste al Teatro Miela, venite!).
Poi torno ad indossare i panni di Leona Woods naturalmente, la fisica più giovane ad aver lavorato a Los Alamos, con “La donna della bomba atomica” vi racconto il Progetto Manhattan, Oppenheimer, Enrico Fermi, tutto materiale inedito (venite alla data a Brescia, all’auditorium Laas, mi raccomando!).
E chiudo maggio con “Sei donne che hanno cambiato il mondo”, le mie eroine della scienza ve le racconto in una piece teatrale di grande impatto (venite a Cernusco sul Naviglio!).
E alla fine di ogni spettacolo o speech o live mi fermo con voi per fare i firmacopie e le dediche sui miei libri, da cui ho tratto le miei storie.
A maggio faró anche due nuovi speech, uno a Bergamo, a Kilometro Rosso, e sarà sulla bellezza. E un altro a Milano, all’Italian Tech, e sarà su Arthur Compton. Vi racconto due nuove storie che sto scrivendo in questi giorni! Dureranno il tempo di uno speech, quindi una fiammata, ma saranno comunque dirompenti come tutte le cose che faccio nascere con passione.
Maggio sarà un mese pieno di date, quest’anno lo chiuderó con 120/150 date in totale!
Poi a giugno torno a farvi il racconto di “La fisica dei cambiamenti climatici”, e continuo con gli altri (“Monologo Quantistico”, “Sei donne che hanno cambiato il mondo”, “Ogni cosa è collegata”, “La donna della bomba atomica”). Questi i più richiesti in questo periodo. Ma poi riprendo più avanti anche Mileva Maric con “Einstein e io”, e naturalmente “Jukebox della fisica, risposte scientifiche alle domande delle canzoni”.
Tutti diversi, tutti immersivi, tutti potenti.
Sono Leona Woods, una delle poche donne del XX secolo pagata per realizzare il suo sogno, una delle pochissime fisiche nucleari ad aver preso parte al Progetto Manhattan, sicuramente la più giovane.
Ci sono stati momenti in cui mi sminuivo, altri in cui non rammentavo i dettagli di alcuni episodi, e il terrore di essere giudicata dai colleghi maschi mi gelava le parole in gola. Altre volte ho avuto paura di raccontare le cose esattamente per come sono andate. Oggi tutti quei freni non li vivo più, non mi servono e nemmeno me li ricordo molto bene. E quando mi chiedono cosa ho fatto nella vita, io rispondo soltanto che ho fatto quello che faceva Enrico Fermi, ma con diciannove anni di meno, e incinta.
Durante la costruzione del reattore nucleare a Hanford, ero l’unica donna. Durante l’esplosione del Trinity Test, ero l’unica donna. Alla riunione conclusiva a Los Alamos, ero l’unica donna. Se avessi ricevuto un dollaro per tutte le volte che ho avuto ragione, ora sarei ricca. Se avessi ricevuto un dollaro per tutte le volte che mi hanno dato ragione, ora avrei un dollaro. E sarebbe il mio.
Lo avete letto il libro?
“La donna della bomba atomica”, Mondadori -> clicca!
“Io penso che la realtà sia solo un’idea che noi vogliamo dare alle cose che guardiamo. L’equazione di Schrödinger dice che non c’è nulla di definitivo nelle cose che non vediamo. Il mondo è tutto ciò che accade e anche tutto ciò che può accadere.”
Per saperne di più leggi “Ogni cosa è collegata” Mondadori 👉 clicca! ⚡️
Qui ero ospite da Floris a DiMartedì con un monologo!
Per i miei libri -> segui questo link: clicca!

Per i miei monologhi e spettacoli teatrali in tour -> segui questo link -> clicca!





(qui in questa foto 
sono di fianco all'entanglement quantistico
all'IBM di Zurigo)

“Non state dove o con chi non vi fa fiorire”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su ...
0Shares

There are no comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart