Il punto della situazione in un mio racconto di fine anno…per augurarvi un buon 2022

Ciao…è arrivato fine anno, e come ogni anno, mi ritrovo a fare il punto della situazione, per mettere in pratica tutti i sogni ancora da realizzare. E’ come se mi proponessi, ogni fine anno, una strategia nuova per riuscire a fare più cose possibili. Ancora non ho smesso di divorare la vita, è una cosa proprio che non riesco a frenare. E quindi, come ogni fine anno, cerco le strade ancora da solcare, per continuare a correre.

In questo post poi vi propongo un racconto per ripulirvi da tutte le influenze negative che spesso prendono il sopravvento nella nostra vita…per vivere più leggeri, e propositivi. Ognuno sceglie come vivere. C’è sempre un momento nella vita che si decide come usare le parole: ci sono quelli che adottano il cinismo come arma, quelli che usano il sarcasmo, quelli ancora che cercano sempre si colpire dritto con cattiveria, oppure quelli che citano frasi fatte o luoghi comuni pensando di essere i più furbi di tutti. Io, quando ho capito che le parole sono tutto, ho deciso di usarle alla mia maniera: diffondendo valori buoni, dicendo cose belle, nutrienti, gentili, cariche di speranza. Perché è più coraggioso dire cose dolci, ai giorni nostri. E’ questo il modo in cui io uso le parole, nei miei libri e nei miei spettacoli teatrali. Speriamo nel 2022 di conoscervi tutti…mi piace ritrovarci nei luoghi dove vado, e parlare con voi. e’ necessario farlo, per crescere, vivere, non solo sopravvivere.

 

Poi, voglio farvi vedere il messaggio che ho eletto il più bello dell’anno (è stato scritto sotto la foto dei miei libri, in un post su twitter):

 

 

Per quel che riguarda il mio 2021, sono felice. E’ stato un anno pieno di cose nuove: un programma tv di 8 puntate andato benissimo, un nuovo libro che sta piacendo, ho fatto tante date dei miei monologhi nei teatri e festival (e tanti talk online), ho cambiato casa, mi sono fidanzata, ho conosciuto nuove e belle persone. Grazie per tutto questo, non è scontato in un periodo come quello che viviamo.

 

E in conclusione non posso che fare il punto su quelle che sono state le più importanti conquiste della scienza in questo 2021:

Fusione nucleare
Anche la ricerca nucleare può vantare un risultato interessante. esperimento di fusione nucleare. L’esperimento prevedeva di dirigere un raggio laser verso una capsula contenente atomi di deuterio e trizio. Si sarebbe prodotto un picco di energia mai raggiunto prima. Il risultato potrebbe essere il primo passo verso la realizzazione di una reazione controllata di fusione nucleare. La fusione nucleare è un processo che avviene nelle stelle, per esempio nel Sole, in cui si uniscono più atomi ottenendo energia.

Antivirali contro il covid
Questo autunno due aziende, la Pfizer e la Merck & Co., hanno annunciato che le loro sperimentazioni cliniche di farmaci antivirali hanno avuto esito positivo, e questo è stato un grande passo per la lotta alla pandemia del covid-19. La ricerca non è finita, perché le varianti sono tante.

Marte
La sonda Insight ha mostrato che il pianeta Marte ha una crosta sottile e un mantello superficiale, con una parte centrale liquida molto ampia. La sonda ha misurato le scosse sismiche sulla superficie del pianeta. Da questi dati è stato possibile ricostruire la composizione interna del pianeta. Queste ricerche sono utili per comprendere come Marte sia cambiato nel corso di milioni di anni.

I muoni
Il muone è alla base di uno dei più importanti risultati di fisica delle particelle di quest’anno. Il muone è una particella elementare, simile all’elettrone ma più pesante e instabile. I ricercatori del Fermi national accelerator laboratory, negli Stati Uniti, hanno ripetuto le misure del suo magnetismo, sul quale non c’è accordo. Il valore misurato è più alto di quello ottenuto con calcoli teorici.

Le criticità del 2021: prima di tutto la conclusione della conferenza sul cambiamento climatico, a Glasgow, ha lasciato insoddisfatti. Se i paesi manterranno gli impegni presi potrebbe essere possibile raggiungere l’obiettivo di contenere il riscaldamento entro i due gradi, mentre si allontana l’obiettivo di 1,5 gradi. Occorre anche notare che gli impegni dei paesi non sono vincolanti. Un altro evento negativo è l’approvazione precipitosa del farmaco aducanumab contro l’alzheimer.

 

E ora finalmente il racconto…ma prima vi saluto.

Vi auguro a tutti un buon 2022, e appassionatevi alla fisica come da sempre faccio io, fa volare con la testa e fa fare sogni bellissimi.

(la foto di copertina è forse quella che preferisco di quest’anno…è inedita, me la tenevo per me, per metterla in un momento importante come questo e condividerla con voi)

Continua sotto…

 

 

di Gabriella Greison

Siccome ogni storia bella merita un titolo, questa che sto per raccontarvi ne possiede più di uno. Il primo titolo le viene dato per via del momento particolare in cui è ambientata: è la fine del 2021, e i protagonisti si stanno guardando indietro. Hanno passato un anno strano, ma non strano come quello ancora precedente. Dall’anno ancora precedente, i protagonisti di questa storia, avevano imparato tante cose, e così le hanno messe a frutto. Loro sono artisti, quindi le cose sanno memorizzarle. In quel lontano tempo in cui erano stati catapultati in una realtà stringente, quella in cui erano chiusi in un cupo lockdown, e che tutti volevano dimenticare, loro hanno fatto crescere le persone, e trovato nella poesia un’ancora di salvezza. Per loro, il tempo della quarantena era stato come il deserto degli ebrei oltre il mar rosso, era stato il tempo della formazione, dell’educazione, un tempo denso, un tempo non sprecato. Si dicevano tra loro: ‘sarebbe terribile se tutta questa sofferenza ci respingesse indietro, sarebbe intollerabile’, e così si sono dati da fare, si sono rimboccati le maniche e hanno costruito una enorme cattedrale. Ma non una cattedrale per idolatrare qualche dio o riunirsi in preghiera, no, una cattedrale dove si fanno cose, dove avvengono cose. Siccome ci hanno lavorato in tanti, la cattedrale è nata in un tempo record, e tutti nel 2021 potevano frequentarla. Le uniche regole della cattedrale erano quelle del buonsenso e rispettavano tutte le criticità imposte dalla scienza. Gli artisti che hanno lavorato per fare entrare tutti nella cattedrale credevano nella scienza, infatti non sono mai incappati in alcun problema. Inoltre, il loro buonsenso ha fatto in modo che tutti quelli che ci entravano potessero averne uno. Perché il buonsenso è contagioso. Era questa la conseguenza numero uno dei frequentatori della cattedrale. Così come la gentilezza. E’ per questo motivo che quando tutti si sono guardati indietro, alla fine del 2021, si trovarono a proprio agio in quella nuova esistenza. E per questo, il primo titolo di questa storia è nutrimento.

Il secondo titolo le viene dato per via della natura dei protagonisti. Come vi ho detto i costruttori dell’enorme cattedrale sono tutti artisti, ma non sono loro soltanto i protagonisti. I protagonisti sono tutti i partecipanti ai ritrovi nella cattedrale. Man mano che passavano i giorni, gli ospiti aumentavano, e la cosa bella era che c’era spazio davvero per tutti. Uomini, di ogni razza, sesso e religione. Pennuti, ornitorinchi, balene, foche, galline, qualsiasi animale vi venga in mente in questo momento c’era. E, infine, la natura. Anche la natura era parte integrante del progetto costruito dagli artisti, ed era dentro la cattedrale. All’interno, tutti stanno capendo che il virus conosciuto due anni prima è stato un avviso, e che le cose dovevano cambiare. La terra non può più essere devastata. Gli animali sono i nostri compagni nell’evoluzione. La natura è la nostra salute. Per questo, il secondo titolo di questa storia è splendore.

Il terzo titolo di questa storia le viene attribuito da chi legge. Tutti i lettori di questa storia sono certamente persone curiose, altrimenti non sarebbero arrivati fino a questo punto delle vicende che vi sto raccontando. Vivono nella cattedrale e sono persone felici. Hanno vissuto un cambiamento di rotta, vissuto nel senso di agito, messo in pratica. Perché quello che i lettori di questa storia sanno fare bene è essere vita. E la vita cresce e migliora di generazione in generazione se i singoli mettono in pratica le piccole cose costruite con il buonsenso. La crisi è stata opportunità grandiosa, perché dalla crisi tutti hanno potuto scegliere, un’analisi critica li ha fatti correre ai ripari. Ma affinché i lettori si possano tranquillizzare, posso dire in tutta certezza che nella cattedrale c’è ancora posto, e non c’è neanche bisogno di identificarsi all’ingresso. Per questo, il terzo titolo di questa storia è elevazione.

(Secolo XIX, 31 dicembre 2020)

 

Ciao…stay safe & love physics!

 

 

 

I miei lavori sulla fisica quantistica:

  • Romanzo “L’incredibile cena dei fisici quantistici” -> clicca qui per leggerlo
  • Monologo “Monologo Quantistico” -> monologo teatrale, per ospitarlo chiedi preventivo a info@greisonanatomy.com
  • Romanzo “Hotel Copenaghen” -> clicca qui per leggerlo
  • Romanzo “La leggendaria storia di Heisenberg” -> clicca qui per leggerlo
  • Spettacolo “La leggendaria storia di Heisenberg” -> spettacolo teatrale, per ospitarlo chiedi a Teatro Pubblico Ligure che lo produce
  • Podcast “Il cantico dei quanti” -> clicca per ascoltarlo su Audible
  • Saggio e monologo “Einstein forever” -> clicca qui per leggerlo (oltre che fisica quantistica, qui racconto anche la relatività); c’è anche il monologo, per ospitarlo chiedi preventivo a info@greisonanatomy.com (oltre che fisica quantistica, qui racconto anche la relatività)
  • Programma tv “Il favoloso mondo della fisica quantistica” -> clicca per guardarlo
  • Romanzo “Ucciderò il gatto di Schroedinger” -> Clicca qui per leggerlo
  • Spettacolo “Ucciderò il gatto di Schroedinger” -> per ospitarlo chiedi a Imarts che lo produce
  • Qui il video in cui parlo del machine learning -> clicca.
  • Libro e monologo “Guida quantistica per anticonformisti”  -> per leggerlo clicca qui, per ospitare il monologo chiedi preventivo a info@greisonanatomy.com

…e una canzone -> cantala qui anche tu!

.

Ecco tutti i miei lavori sulle donne della scienza:

  • il libro e il monologo “Sei donne che hanno cambiato il mondo” pubblicato da Bollati Boringhieri -> leggilo clicca, il monologo per ospitarlo chiedi preventivo a info@greisonanatomy.com
  • il libro per bambini “Superdonne” pubblicato da Salani -> leggilo clicca
  • il podcast “Le magnifiche della scienza” powered by Intesa Sanpaolo -> ascoltalo clicca
  • il podcast “Le magnifiche della tecnologia” powered by Intesa Sanpaolo -> ascoltalo clicca
  • il libro “Einstein e io” pubblicato da Salani, raccontato in prima persona da Mileva Maric Einstein -> leggilo clicca
  • lo spettacolo teatrale “Einstein & me” di cui sono anche produttrice (oltre che interprete e sceneggiatrice), tratto dal libro “Einstein e io” -> per ospitarlo chiedi preventivo a info@greisonanatomy.com
  • il monologo su Marie Curie -> per ospitarlo chiedi preventivo a info@greisonanatomy.com
  • il monologo su Hedy Lamarr -> per ospitarlo chiedi preventivo a info@greisonanatomy.com
  • il podcast “Cara Marie Curie” -> ascoltalo su Audible clicca
  • il TEDxTalks su Lise Meitner -> guardalo clicca
  • il programma tv “La teoria di tutte” -> info qui
  • il monologo “The quantum women, le scienziate della meccanica quantistica” -> per ospitarlo chiedi preventivo a info@greisonanatomy.com (e ascolta qui un estratto nello speech che ho fatto per il Corriere, in cui parlo di una queste -> clicca)

 

 


Non state dove o con chi non vi fa fiorire.

gabriella

 

 

 

 

 

 

Condividi su ...
0Shares

There are no comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart